Fondazione Cesare Pozzo per la mutualità

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Pubblicazioni Il tormento di un’idea. Vita e opera di Cesare Pozzo. Dal sindacato al socialismo (1853-1989)

Il tormento di un’idea. Vita e opera di Cesare Pozzo. Dal sindacato al socialismo (1853-1989)

E-mail Stampa PDF

Il tormento di un’idea. Vita e opera di Cesare Pozzo. Dal sindacato al socialismo (1853-1989)Stefano Maggi, Il tormento di un’idea. Vita e opera di Cesare Pozzo. Dal sindacato  al socialismo (1853-1989), Milano, Franco Angeli, 1998

Nella società quasi esclusivamente agricola dell’Italia ottocentesca, i ferrovieri rappresentavano la categoria forse più importante, perché numerosa, diffusa su tutto il territorio e legata all’unico servizio pubblico nazionale.
L’acquisizione di una «coscienza di classe» da parte di questi lavoratori, negli anni Ottanta e Novanta si intrecciò con la vicenda umana del macchinista Cesare Pozzo, affascinante figura di pioniere che riassumeva in sé tutto il travaglio di un’epoca ricchissima di nuovi fermenti.
Pozzo era dotato di un’impressionante capacità di lavoro, unita a uno spiccato senso pratico e a una rara lungimiranza. Ma soprattutto si caratterizzava per la vivacità intellettuale, che lo spinse ad approfondire le varie teorie politiche e sociali, dal mazzinianesimo all’anarchismo, alle idee radicali, con la finale appassionata adesione al socialismo.
La sua opera, contraddistinta da un’assoluta integrità orale, è stata sempre ricordata con rispetto e commozione dai ferrovieri, tanto che oggi porta il nome «Cesare Pozzo» la vecchia Società di mutuo soccorso dei macchinisti e fuochisti, divenuta la più grande d’Italia e aperta a tutti i cittadini.